Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

costituzioneCostituzione italiana: Art. 49

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti, per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

diversità integrazioneIl primo sabato di dicembre visito una mostra esposta nel salone del Binario 7 e mi incuriosisco subito le titolature sottostanti alle esposizioni.
La Violenza non conosce colore. Il pregiudizio uccide la società. La terra è proprietà comune. Il dialogo è l’arma per abbattere i muri. Connubio perfetto tra religione e felicità. Nel silenzio gli occhi raccontano cose che la bocca non riesce a dire. Sono forse capitato in una iniziativa promossa da vetero pacifisti o residuali cattocomunisti o da monaci zen? L’Unione fa la forza. In prima fila non solo a scuola ma nel sociale. Il mondo è tuo cosa aspetti a cambiarlo?

casa pound renziRiceviamo e pubblichiamo la lettera che Maurizio Montanari ha inviato all'Anpi e che segue una proposta di incontro con l'associazione. Buona lettura.

parlamentoIn Primavera, andremo alle elezioni con la nuova legge: il “Rosatellum”.
Al di là delle tecniche e delle modalità previste da questa legge e da quelle precedenti, credo si impongano alcune riflessioni e domande riguardo allo stato di salute della nostra democrazia, ovvero sistema elettorale e sistema dei partiti.
La malattia è grave ed è attraversata da infezioni progressive che rischiano di portarla alla morte: un paese a rischio di ingovernabilità permanente e una cittadinanza assente all’esercizio del voto. Ma a quanto pare forze politiche, giornali e opinione pubblica non se ne preoccupano più di tanto.

logo pdLa nascita del PD, dieci anni fa, è il risultato di una idea liberal di Veltroni e Rutelli, di unire le forze democratiche, ricostruire una sinistra di governo che assumesse responsabilità e capacità per cambiare e modificare i blocchi conservatori e corporativi, che impedivano alla società di evolvere economicamente, socialmente e culturalmente.

destinazione italiaÈ ormai passato qualche giorno dalla tappa brianzola del treno di #DestinazioneItalia con a bordo Renzi e dal lancio ufficiale della candidatura di Giorgio Gori alla Presidenza di Regione Lombardia. Vorrei condividere con voi una riflessione.

PdÈ passato più di un mese da quando mi è stato chiesto di scrivere un contributo sui dieci anni del Partito Democratico. Credo che, inconsciamente, il continuare a rinviarne la scrittura non sia stato un caso. Troppe le confusioni, le amarezze. Troppo pesante la domanda: e adesso il Pd?

concomunale alleviI primi 100 giorni della Giunta Allevi sono ormai trascorsi. Per riassumere:

- nomina di un Assessore incompatibile che si è dimesso frettolosamente dall'altro incarico;

- sgomberi completamente a casaccio con rioccupazioni nelle ore successive;
- DASPO urbani dalla dubbia utilità (o certissima inutilità);

referendum inutileAndando all'incontro sul referendum pensavo ai miei conoscenti sicuri sulla posizione da tenere: “Ci si astiene! il PD è sempre stato contrario a questo referendum! Perché Gori e alcuni Sindaci ora sono per il Sì?“. Immaginavo di non trovare i miei conoscenti all'incontro e questo articoletto è stato scritto pensando al loro.

europaSono mesi che si discute sul ruolo dell’Europa, sul significato stesso dell’Europa mentre molti politici dei vari paesi aderenti fanno a gara a “sfiduciare”, a gridare al nazionalismo, al sovranismo. Dibattiti, discussioni, slogan, battaglie e poi? E poi succedono i fatti di Dortmund!

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?