Seguici su: FacebookTwitter

istatIn questa settimana due dati di segno opposto sull’occupazione, entrambi provenienti dall’Istituto di Statistica hanno messo in dubbio la credibilità dei messaggi positivi lanciati dal Governo. Le polemiche sono dovute a due aspetti della vicenda: il momento in cui i due dati sono usciti e la metodologia di calcolo.

Per quel che riguarda la confusione sul momento in cui i dati sono usciti, i fatti riportano che il 31 agosto l’ISTAT ha rilasciato il dato del calo mensile degli occupati (-63mila fra giugno e luglio), mentre il 12 settembre lo stesso istituto ha confermato che nel trimestre aprile-giugno 2016 i posti di lavoro sono stati 189mila in più, che se confrontati con lo stesso dato dell’anno precedente risultano aumentati di 439mila unità.
L’incertezza è quindi sorta per via del fatto che il dato mensile riferito a luglio è uscito prima del dato sul trimestre precedente (aprile-giugno).
Dando un veloce sguardo al grafico si può notare che entrambi i dati sono sinceri e riscontrabili.

Ben più interessante è la polemica fatta sulla metodologia di calcolo per l’ISTAT, ai fini delle sue statistiche si considera occupato chiunque abbia lavorato, nella precedente settimana, almeno un’ora in cambio di un corrispettivo economico o in natura, oppure non retribuito se il lavoro è svolto per un familiare o ancora chiunque sia in ferie o in malattia da meno di tre mesi.

In molti hanno tuonato che quattro ore di lavoro al mese non fanno un lavoratore, che in questo modo non è possibile distinguere chi riesce col proprio lavoro a mantenersi e a contribuire all’economia familiare, da chi lavora senza arrivare alla sussistenza e da chi compie piccoli lavoretti per occupare il proprio tempo.

L’obiezione è legittima, tuttavia non deve trarre a conclusioni errate.
I nuovi lavoratori non sono tutti e solo persone che lavorano un’ora a settimana, la metodologia usata era la stessa l’anno scorso, l’anno prima e così via; in ogni rilevazione dell’ISTAT è sempre incluso tutto il ventaglio di possibilità che la parola lavoratore intende, non è il Governo Renzi che ha cambiato metodo per pompare i dati e fare bella figura.
L’aumento che si è verificato da un anno a questa parte è perciò una notizia positiva, anche se fra questi vi sarà chi ha fatto solo qualche ora di lavoro, così come il recente calo di luglio è un dato negativo in assoluto a prescindere dalla metodologia.

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?