Seguici su: FacebookTwitter

Cari amici,

purtroppo il risultato elettorale non è stato positivo.

Qui trovate i risultati dellepreferenze per le Europee a Monza

http://europee.interno.it/europee/euro090607/prefEI1031040330.htm#03456

COLLEGIO 23-MONZA 1

PD - ACHILLI

LP - MEREGALLI

PDL - PANZERI

LEGA - LIRICI


COLLEGIO 24-MONZA 2

PD - GUERRIERO

LP - VILLA

PDL - PETRUCCI

LEGA - CARUZ


COLLEGIO 25-MONZA 3

PD - VENEZIANO

LP - BUGNO

PL - GABETTA

LEGA - MARIANI


COLLEGIO 26-MONZA 4

PD - PILOTTO

LP - DANIELLI

PDL - MONGUZZI

LEGA - TOGNINI


COLLEGIO 27-MONZA 5

PD - ARTESANI

LP - ANTONIELLI

PDL - ROMANI

LEGA - DE CARTIS


COLLEGIO 28-MONZA 6

PD - PICCOLOTTO

LP - PASSERINI

PDL - MANCINO

LEGA - VILLA

Vi proponiamo il confronto tra le elezioni precedenti: Europee 2004, Comunali 2007, Politiche 2008

Per guardare al futuro

Franceschini: "Berlusconi è la solita minestra riscaldata, uguale da 15 anni".

immagine documento documento

"Questo è un voto per decidere se guardare al futuro o no". È questo il messaggio di Dario Franceschini agli elettori. Dagli studi di Matrix il segretario del Partito Democratico ha ribadito l’“imbroglio” perpetrato da Berlusconi, Di Pietro e Bossi ai danni degli italiani. “C'e' chi mi ha detto che io non mi sono candidato per paura ma io Berlusconi lo voglio sfidare sulla serietà e non sull'imbroglio".

Una minestra vecchia 15 anni. La campagna elettorale del premier quella “classica”. Salta da una televisione all’altra, monopolizza le pagine di gran parte dei giornali, fa proclami da sogno. E come al solito per lui le regole della par condicio sono un’optional. Ospite di Mattino Cinque, il patron di Mediaset ha letteralmente rubato 47 minuti di intervista-monologo, a dispetto dei 10 minuti concessi ieri a Dario Franceschini. Di cosa ci si stupisce? “Berlusconi – dice Franceschini - e' la solita minestra riscaldata, ormai lo conosciamo fa la stessa campagna elettorale dal '94 e oggi vota chi allora aveva tre anni. E' ora di cambiare pagina, di investire sul futuro e di guardare avanti". E a chi gli chiede quale sia la più grande menzongna di berlusconi risponde: "Per dirle tutte dovrei stare qui 15 anni".

Voli di Stato, una questione di serietà. Dopo l’iscrizione di Silvio Berlusconi nel registro degli indagati, Franceschini ha definito la ricerca della verità ”un atto dovuto. Spetta alla magistratura accertare eventuali reati e non alla politica ma poi c'e' un problema di serietà e di moralità della politica. Se un'indagine di questo tipo rafforzi o meno a livello politico il premier e' un tema che può appassionare politologi o sondaggisti. Ma a me non interessa. Al di là dell'indagine che spetta alla magistratura, c'e' un altro problema: i voli di Stato sono pagati con i soldi dei contribuenti e in un momento di crisi abusarne vuol dire andare contro quell'obbligo di serietà che la politica deve prendere per non sprecare i soldi dei cittadini in un momento di difficoltà. I voli di Stato vanno usati solo dove non arrivano trasporti di linea e solo da cariche politiche senza amici e conoscenti. E' un problema di serietà e moralità della politica. In Inghilterra un ministro si è dimesso perché il marito aveva comprato in albergo un filmino che non si sa se era porno. Pensiamo alla differenza con noi qui in Italia per quanto riguarda i voli di Stato, che differenza in termini di moralità”

Gli straordinari poteri di Franceschini. Sulle accuse del premier, che lo vede il burattinaio che muove i fili di stampa estera e magistratura, Franceschini ironizza: “Siamo arrivati al ridicolo: si dice che dietro la stampa estera ci sono io che chiamo i direttori e poi chiamo anche i magistrati e dico 'fate questa indagine, fate quest'altra'. E sì ho un potere straordinario. Berlusconi ha detto che io dico menzogne. Ho tanti difetti ma non dico menzogne. Questo e' il paradosso dei paradossi''.


Povertà, la nascondono ma esiste. Dopo la valanga di no del governo alle proposte del PD, Franceschini torna sull’argomento povertà, rivolgendosi proprio al presidente del Consiglio: “A Berlusconi vorrei dire che i poveri non si vedono, non hanno voce, ma ci sono e sono tanti. In Italia c'e' un problema di fame e il mio impegno e quello del PD è di dare voce ai poveri. L’Istat ha certificato che ci sono 980 mila famiglie sotto la soglia di povertà ed e' per queste persone che noi avevamo proposto una 'tassa' sui ricchi, che avrebbe permesso di recuperare 500 milioni di euro per aiutare i poveri”.

La crisi è un problema psicologico? Lo dica ad un precario. Fra le categorie più indifese e da tutelare con più urgenza ci sono i precari. “Il governo – ha detto il leader PD -ha stabilito che sia dato il 20% della retribuzione mensile non in un mese ma in un anno ai precari che perdono il lavoro. Questo equivale a 35 euro al mese ed e' una vergogna. Vogliamo intervenire? Qui non c'entra la destra e la sinistra, e li sfido ad andare da un precario che ha votato a destra e dire: 'Ho bocciato la proposta del Pd di dare un assegno di disoccupazione a tutti i precari solo perché è una proposta dell'opposizione. Berlusconi ha detto che il diluvio è passato. Vada da un precario che ha perso il lavoro e gli dica: e' un problema psicologico, con un po' di ottimismo passa. Voglio vedere la reazione di queste persone".

{youtube}YAnAKHCFXN4{/youtube}

Sono online le foto della biciclettata con Gigi Ponti e Gianni Bugno

Clicca qui per vedere la presentazione

Clicca qui per la galleria

PRODI

 

Care amiche e cari amici,
nel momento in cui ribadisco la mia già provata volontà di rimanere al di fuori della politica del nostro Paese,  sento il dovere, come semplice cittadino, di sottolineare l'importanza del voto a cui noi italiani siamo chiamati.

Non è una scelta di campo,
è una scelta di qualità:
Gigi Ponti

Non è una scelta di campo, è una
scelta di qualità
Gigi Ponti,
da sempre al fianco
dei pendolari

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?