Seguici su: FacebookTwitter

parlamentoLe previsioni che emergono dal Def dimostrano come questo Governo stia penalizzando la crescita, prevista allo 0,1%, e come le misure messe in atto, dalla quota 100 al reddito di cittadinanza, non avranno alcun impatto sulla crescita.

Il deficit arriverà al 2,4, rispetto al 2,0 ipotizzato, superando così il valore limite concordato con la Commissione Europea. Peggiora dello 0,1% anche il saldo strutturale, portando a un sensibile aumento del debito pubblico.

Come scrive il sito Democratica - questo vuol dire che la valutazione del rischio Italia, da parte di mercati, agenzie di rating e istituzioni internazionali continua a peggiorare e il Paese rischia di entrare in un circolo vizioso di meno crescita più debito, più rischio, meno risorse per la crescita.

Alla luce della prossima legge di Bilancio, il Paese arriverà in una situazione di estrema difficoltà. Solo per coprire le clausole di salvaguardia e le voci di spesa già presenti nel quadro tendenziale saranno necessari circa 30 miliardi. Lo spazio per ulteriori interventi espansivi o di riduzione fiscale, è tutto da definire.

Infine, l’instabilità e l’indecisione delle forze al Governo non fanno altro che aumentare l’incertezza. Il prolungarsi di questa situazione potrebbe portare il Paese a un’instabilità fuori controllo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?