Seguici su: FacebookTwitter

pulizie primavera Tavoli dipinti PRIMA DOPOIl successo che continua. Si è svolta domanica 15 aprile la 6^ edizione delle Pulizie di Primavera, grande iniziativa di partecipazione e volontariato civico “inventata” per la prima volta dall’Amministrazione Scanagatti nel 2013. Ottima cosa che la nuova amministrazione abbia deciso di continuare a farla. La partecipazione dei cittadini è stata come sempre molto elevata (circa 4.500, come l’anno scorso), segno che il senso civico dei monzesi e la voglia di fare qualcosa di utile per la città e la collettività rimane inalterato.

Anche il PD ha partecipato, come sempre fatto nelle 5 edizioni precedenti. Quest’anno i nostri Circoli 1 e 3 si sono iscritti dedicandosi a pulire e a dipingere in modo creativo e colorato tavoli e panchine dei giardini di via don Valentini e a ripulire l’area di via d’Annunzio, insieme a numerosi simpatizzanti e cittadini. In questa edizione sono stati fatti anche 10 murales che si sono aggiunnti alle puliture di muri imbrattati che sempre sono stati ripuliti da gruppi di cittadini e associazioni. Davvero una bella mattinata, con numerose scuole impegnate come ogni anno. Un risultato significativo che dimostra come l’idea iniziale delle Pulizie di Primavera lanciata nel 2013 sia ormai entrata a pieno titolo negli appuntamenti fissi di Monza. Insomma, pulire Monza è nel cuore dei monzesi.

La Fake News. La stampa locale ha giustamente dato, come sempre, molto risalto all’iniziativa. MA … è uscita anche una … “Fake News”. Infatti, a differenza de “Il Cittadino”, “Giornale di Monza” e “MBNews”, che hanno tutti ricordato correttamente che le Pulizie di Primavera sono“nate sotto l’Amministrazione Scanagatti e confermate da quella Allevi” e hanno realizzato abbondandi servizi fotografici ed articoli dedicati un po’ a tutti i cantieri di lavoro, la testata online “QuiBrianzaNews” ha fatto un pezzo incentrato su un solo cantiere: scelta giornalisticamente libera, seppur curiosa. Ma all’interno di questa “libertà di stampa”… si nasconde la “Fake News: la suddetta testata sostiene, infatti, che “le Pulizie di Primavera sono una manifestazione nata in seno al volontariato e associazionismo monzese, … tutto è partito dal gruppo “Fight the Writers” un service del Rotary Club Monza che ha raccolto l’entusiasmo e l’adesione di altri cluba, associazioni ed enti …”. ?!?! Ma come? Chiunque sa che le Pulizie di Primavera sono state lanciate dall’Amministrazione Scanagatti ma questa evita accuratamente di dirlo. Sarà un caso? Che poi Fight the Writers sia un gruppo benemerito che si dedica da anni alla pulizie dei muri della città, nessuno lo contesta! Anzi, tanto di cappello. Ma un organo di informazione serio – se tale vuole essere – non può far passare un messaggio quanto meno impreciso, se non volutamente fazioso. E il sospetto di faziosità e capziosità deriva dal fatto che il servizio dedicato a questo unico cantiere sui 117 totali, indugia quasi esclusivamente su alcuni partecipanti particolari (non casualmente)…

Gli imbucati. Infatti, nel videoservizio vengono ripresi, guardacaso, vari esponenti del Club di Forza Italia (Forza Silvio-Monza Azzurra), con lo striscione di Fight the Writers da loro esposto come se fosse il loro gruppo il titolare di questo cantiere (analoghe foto sono postate anche sulle loro pagine FB, affermando “Monza Azzurra ancora una volta impegnata a rendere più bella la città”). Eppure… nella lista dei 117 gruppi iscritti alle Pulizie di Primavera, “Forza Italia – Monza Azzurra” non compare affatto. Si sono quindi… imbucati. Ben venga che abbiano deciso di parteciparvi, ma non facciano i furbi, soprattutto perché… non hanno mai mosso un dito nelle edizioni precedenti… Come mai non hanno partecipato per 5 anni e stavolta magicamente sì? Che si siano forse… “impegnati a mettersi in mostra”? (grazie alla stampa compiacente). Forse perché ora amministrano e prima no e quindi consideravano le “Pulizie” come qualcosa da snobbare? Altro che “ancora una volta”!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?